Newsletter

Si segnala che sulla GU 4 luglio 2015, n. 153 è stato pubblicato il Decreto Legge 4 luglio 2015, n. 92 “Misure urgenti in materia di rifiuti e di autorizzazione integrata ambientale, nonché per l'esercizio dell'attività d'impresa di stabilimenti industriali di interesse strategico nazionale ”.
Tale norma si è resa necessaria al fine di emanare disposizioni che assicurino la coerenza e l'uniforme applicazione delle definizioni di produttore, di raccolta e di deposito temporaneo di rifiuti, in modo da uniformare la disciplina nazionale con quanto stabilito dalla direttiva 2008/98/UE , con particolare riferimento alle attività che costituiscono l'iter tecnico-amministrativo di produzione e gestione dei rifiuti.
Inoltre viene adottata una disciplina transitoria volta a consentire che le installazioni sottoposte ad autorizzazione integrata ambientale a seguito dell'entrata in vigore del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 46 , di attuazione della direttiva 2010/75/UE, già operanti nel pieno rispetto dei requisiti stabiliti dalla direttiva medesima, possano proseguire il proprio esercizio nelle more della definizione dei procedimenti amministrativi di autorizzazione da parte delle competenti autorità regionali.
Vengono quindi modificati l’art. 183 del D.Lgs 152/2006 e l’art.29 del D.lgs 46/2014.
Infine l'art.3 di detta norma contiene misure necessarie per impedire il blocco dell'altoforno 2 dell'Ilva di Taranto e per sbloccare le aree del sito Fincantieri di Monfalcone, sottoposte a sequestro su disposizione del tribunale di Gorizia.
Il Decreto Legge dovrà essere convertito in legge entro 60 giorni dalla pubblicazione.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookies policy.